30 agosto 2006

BEAR robot al salvataggio

Interessante sviluppo.
Il prototipo è costruito per i tipi del Pentagono che vogliono qualche genere di robot per recuperare e mettere al sicuro i soldati feriti sul campo di battaglia.
Il prototipo del BEAR (Battlefield Extraction and Retrieval Robot) è stato prodotto dalla Vecna Robotics per conto del DoD.
Se il prototipo supererà i test, non è improbabile che lo vedremo entro pochi anni sui campi di battaglia con i soldati USA.
Dalla forma e dalle immagini che rappresentano il BEAR direi che appare piuttosto agile e antropomorfo. Data la forza che deve essere in grado di sviluppare per sollevare e trasportare un soldato su una distanza elevata non dovrebbe essere un avversario da sottovalutare nei corpo a corpo. Probabilmente il prototipo e la eventuale produzione di serie delle prime versioni non sarà abbastanza agile e rapida da tenere testa ad un umano in un combattimento corpo a corpo, ma le versioni successive potrebbero essere ben all'altezza di un simile compito.
Di sicuro ricevere un colpo dall'arto superiore del robot non sarà una cosa piacevole.
Il robot appare in grado di rialzarsi facilmente, se rovesciato a terra e, con degli arti adatti, manipolare l'ambiente che lo circonda.

Interessante anche il fatto che, tra le applicazioni previste del BEAR, c'è anche l'utilizzo a livello opsedaliero o domestico del BEAR come ausilio per la movimentazione dei soggetti con gravi disabilità fisiche. Di sicuro il BEAR sarà molto popolare tra le infermiere negli ospedali e nelle case di riposo. Di sicuro la mia schiena ringrazierà molto.
Posta un commento