26 giugno 2007

Gli sconosciuti vantaggi delle auto elettriche

Le auto elettriche che stanno iniziando a venire commercializzate hanno la possibilità di cambiare, in meglio, l'economia delle nostre nazioni. Vediamo di elencare i motivi principali:

  1. Le auto elettriche richiedono molta meno energia per muoversi, dato che il motore elettrico è molto più efficiente del motore a combustione interna; inoltre la costruzione di un'auto elettrica richiede molte meno parti che possono guastarsi, e quindi molta meno manutenzione e riparazioni. La vita media sarà molto elevata e probabilmente le batterie dureranno più del resto dell'auto (quelle della AltairNano dureranno almeno 12 anni, ma le stanno ancora testando e quindi potrebbero avere una vita ben superiore). In breve, sebbene costeranno inizialmente di più da comprare, il costo sarà ammortizzabile facilmente risparmiando sull'energia e sulle manutenzioni.
  2. Ovviamente inquinano molto di meno, perché si concentra l'emissione in un unico luogo: la centrale elettrica. E questo impianto può essere reso molto meno inquinante di tutti i motori a combustione interna che sostituisce, anche mettendo in conto l'energia perduta nelle varie fasi di produzione, conversione, trasporto sulla rete elettrica, etc.
  3. La struttura per distribuire l'elettricità esiste già (duh!) e non serve costruire nuove strutture. Basta mettere nei distributori di benzina attuali una cabina con degli accumulatori con la stessa tecnologia usata nelle automobili e quella accumula energia durante la notte (quando costa poco) per restituirla nei "pieni" della giornata. Inoltre, con questa tecnologia, dato che l'auto la si ricarica nel 90% dei casi a casa o al lavoro (dove rimane parcheggiata per ore consecutive), il numero dei distributori dovrebbe essere molto ridotto rispetto ad oggi.
  4. Una volta implementato questa tecnologia in un gran numero di automobili, diventa possibile e vantaggioso poter collegare l'auto ad un caricabatterie intelligente che comunichi con la rete elettrica. In questo modo è possibile che il controllore della rete elettrica gestisca il consumo sulla rete dando priorità alla carica delle auto con le batterie più scariche e dicendo alle altre di attendere, a seconda del carico della rete, e facendo pagare tariffe differenti a seconda del carico della rete (di più di giorno, durante gli orari di punta, di meno di notte, etc.). Ma non ci si ferma qui. Nulla vieta che il nostro caricabatterie intelligente possa, se richiesto dalla rete, pompare energia in rete attingendola dalla sua batteria e facendosi pagare per il servizio. Un'automobile non potrebbe fare molto, ma milioni di automobili collegate alla rete si; e le automobili stanno ferme parcheggiate almeno 22 ore al giorno (in media).
  5. Un vantaggio indiretto di tutto questo schema è quello di poter mantenere molto più stabile di adesso il carico della rete e quindi di favorire l'utilizzo di centrali elettriche a carbone o nucleari che, per progetto, devono produrre una quantità di energia elettrica costante. Adesso, per gestire i picchi di consumo o di produzione (eolico, solare) si utilizzano impianti a gas o a olio combustibile, che possono essere accesi e spenti e regolati, ma che sono molto più costosi ed inefficienti, oppure si utilizza l'energia in eccesso per pompare acqua dai bacini idroelettrici a valle verso quelli a monte, per poi scaricarla durante il giorno. In breve, questo significa un costo minore per l'energia elettrica prodotta da centrali a carbone e nucleari e una maggiore possibilità di sfruttare economicamente l'energia eolica e solare (perché adesso devono essere accoppiati tanti KWh di solare o eolico con altrettanti generati a gas per compensare le fluttuazioni di produzione).
  6. Avendo un'auto che ha una batteria in grado di immagazzinare energia elettrica, permette ad una abitazione di poter rimanere temporaneamente senza energia elettrica, in caso di un black-out; sembra una stupidaggine, ma in un periodo di sovrautilizzo della rete elettrica, farebbe comodo poter sconnettere, a turno, alcune utenze per un breve periodo.
  7. Se l'automobile di cui si parla non è puramente elettrica, ma ha anche un motore a combustione interna usato per generare elettricità per i viaggi più lunghi, diventa possibile usare il motore dell'auto per produrre energia elettrica da immettere in rete (in casi di vera emergenza) e per far funzionare gli elettrodomestici di casa in caso di black-out prolungato, oppure in zone dove non arriva la rete elettrica.
In ogni caso, se questa tecnologia dovesse prendere piede, il consumo di petrolio crollerebbe, e con esso la dipendenza dell'Occidente nei confronti del Medio Oriente; fine del finanziamento ai terroristi, satrapi e regimi vari del Medio Oriente e del denaro che sostiene la Da'Wa (la predicazione del Corano, con la parola e la spada) in tutto il mondo.
Posta un commento

Archivio