07 luglio 2007

Carburante per il corpo e per la macchina

Trasformare, come si sta facendo negli USA, il grano in etanolo da mescolare nel carburante delle automobili sta iniziando ad avere effetti piuttosto importanti in giro per il mondo. In effetti, la tecnologia ha permesso di rendere il grano un bene che può andare a sostituire il petrolio come fonte di energia per l'autotrazione. Il problema è che lo può sostituire solo parzialmente e che non c'è ancora un modo per sostituire il grano come fonte di energia per l'alimentazione.

In un interessante articolo di Gioietta Kuo sul China Daily  Food vs fuel wars just beginning si discute di quello che sta avvenendo e di quello che potrebbe avvenire se si continua su questo sentiero d'azione. Gli argomenti sono simili a quelli di altri articoli simili su altre pagine web, riviste e trasmissioni televisive. Ma, finalmente,  cita qualche numero interessante:

1) 30% del grano prodotto negli USA sarà convertito in etanolo, l'anno prossimo

2) le esportazioni USA contano per il 70% del grano importato dalla maggior parte delle nazioni della Terra.

3) I primi effetti inflattivi (sui prezzi dei derivati dal grano e dei prodotti zootecnici che usano il grano come mangime)  hanno colpito inizialmente gli USA, la Cina, l'India e il Messico; quindi circa il 40% della popolazione mondiale. Solo in Cina, i prezzi della carne di maiale sono saliti del 15-20% rispetto all'anno scorso. La differenza tra Cina, India e USA è che il prezzo del cibo incide in modo molto differente sul reddito disponibile.

4) La competizione che si sta formando è tra gli 800 milioni di persone che possiedono una automobile e i 2 miliardi di persone più povere al mondo. Con la crescita del prezzo del petrolio, diventa sempre più conveniente trasformare il grano in alcool e quindi il prezzo del grano si lega direttamente al prezzo del petrolio. Se il prezzo del petrolio sale abbastanza, qualcuno resta senza cibo. E già in alcuni paesi si sono viste le prime proteste per l'aumento del prezzo dei generi alimentari (Messico, Egitto, Indonesia, Algeria, Nigeria). E in quelli in cui non si è ancora visto, aggiungo io, è perché molti generi sono venduti a prezzi politici. Il che semplicemente rimanda il problema di qualche mese o di qualche anno (come si è visto in Iran in questi giorni).

5) Difficilmente vedremo molto presto una riduzione dei sussidi per trasformare il grano in etanolo, perché gli agricoltori USA hanno un interesse a far mantenere i sussidi attuali; non potendo riceverli direttamente dallo stato, devono far ricevere il sussidio a chi trasforma il grano in etanolo, che poi sarà in grado di pagare prezzi più elevati agli agricoltori o acquistare più prodotto. Ma questo incentiva gli impianti di trasformazione a comprare tutto il grano possibile e non solo il surplus, quindi aumenta il prezzo del grano per tutti.

Un futuro tempestoso ci aspetta, ma come in molte situazioni, c'è chi si bagna, chi annega e chi impara a nuotare.

Posta un commento