09 novembre 2009

Iniettore Microfluidico Automatizzato, per ridurre costi e tempi di sviluppo di medicinali complessi

 

(a) Zebrafish embryo immobilized by suction capillary. (b) Needle inserted into yolk sack. (c) Electroosmotic pumping of methylene blue solution into the embryo by the application of 25 V for 10 s. (d) Needle retracted from the embryo. Credit: McMaster Engineering

"Questo dispositivo è per la scoperta di nuovi farmaci quello che la catena di montaggio è stato per l'automobile o il chip di silicio per le tecnologie dell'informazione", spiega Ravi Selvaganapathy, assistente professore di ingegneria meccanica presso la McMaster e principale autore della ricerca. "Si cambia quello che era un complesso processo ad alta intensità di risorse a disposizione di pochi in un sistema automatico, prevedibile, affidabile, e a basso costo accessibile a chiunque."

In particolare è assente la necessità di un microscopio o ingrandimento ottico di condurre il processo, che è richiesta per l'iniezione manuale e per monitorare i metodi di trasfezione. Il dispositivo microfluidico consente inoltre una facile integrazione delle operazioni di successive alla lavorazione, compreso lo smistamento delle cellule e la sperimentazione della vitalità cellulare sullo stesso chip.

"I micro-iniettori possono essere facilmente utilizzati in parallelo e permettono agli scienziati di testare un numero di combinazioni di materiali di gran lunga maggiore in un tempo molto più breve rispetto ai metodi attuali. Inoltre rende più pratica la ricerca di nuovi farmaci per molte cosiddette malattie orfane".

Il micro-iniettore è anche una grande promessa per la fecondazione in vitro in quanto fornisce una precisione e un controllo di gran lunga maggiore rispetto alle attuali procedure di iniezione manuale, che hanno un'alta percentuale di fallimenti, richiedono un addestramento pratico e possono richiedere molto tempo.

Microfluidic Injector of Biomolecules Into Cells Automates and Reduces Cost of A Complex Drug Development Process

Physorg reports the construction and operation of a microfluidic micro-injector achieved an almost 80 per cent success rate in injecting Zebrafish embryos.

Lab on a Chip Journal abstract from McMaster University Researchers: Microinjection in a microfluidic format using flexible and compliant channels and electroosmotic dosage control

Posta un commento

Archivio