25 ottobre 2009

La Civiltà della Grande Ristrutturazione e della Grande Innovazione

Erik Brynjolfsson, del MITspiega come la tecnologia aiuti realmente l’economia - anche se la ristrutturazione che produce è dolorosa, nel suo nuovo libro “Wired for Innovation”.

Wired for Innovation

La tecnologia dell’informazione è tutto intorno a noi - ma come cambia realmente il nostro modo di fare business? Erik Brynjolfsson, il Schussel Family Professor alla Sloan School of Management del MIT, esplora la questione nel suo nuovo libro, “Wired for Innovation”, scritto insieme a Adam Saunders, docente presso la Wharton School della University of Pennsylvania.

D. Quali effetti hanno le tecnologie dell’informazione sull’economia?
R. Dal circa il 1995, l’economia statunitense ha registrato una ripresa della produttività. Il consenso tra gli economisti è che la parte del leone è dovuta alla tecnologia dell’informazione. Nel libro e nella mia ricerca non ci concentriamo in particolare su come l’IT di per sé stia cambiando la produttività, da piuttosto sul come l’IT stia portando ad innovazioni complementari. Alcune aziende produttrici hanno ripensato l’intero processo produttivo, cambiato il collegamento ai loro fornitori, ed eliminato l’inventario. Altri settori come l’assistenza sanitaria sono molto più indietro. Ma in tutte le aziende che abbiamo studiato, questi cambiamenti organizzativi sono più grandi e più costosi rispetto agli stessi investimenti in tecnologia.
Le nuove pratiche commerciali sono davvero spingendo la produttività. Ma uno dei grandi paradossi dell'era dell'informazione è che anche se abbiamo più dati dettagliati sull'economia, sappiamo meno sulle vere sorgenti del valore di quanto ne sapessimo prima. Ci sono molti modi con cui le imprese aggiungono valore all'economia, ma spesso questo appare come un valore maggiore per i consumatori, piuttosto che in termini di PIL.
Un esempio lampante è l'industria musicale, che come percentuale del PIL sembra essere in declino, perché i suoi ricavi sono sempre più piccoli. Ma la quantità di musica che la gente sta ascoltando non si sta riducendo. Ci sono più download di canzoni e più persone le ascoltano che mai prima d’ora. Il problema è che questi downloads hanno un prezzo molto basso, spesso nullo, così non compaiono nelle nostre statistiche del PIL. Significa che i consumatori non ottengono la stessa soddisfazione di prima dalle canzoni? No. Significa semplicemente che non stiamo misurando correttamente il valore.

D. D. Quindi possiamo risparmiare soldi sulla musica, oppure utilizzando Wikipedia gratuitamente invece di comprare una enciclopedia. In teoria, questo crea una domanda per altri beni e servizi. Ma perché la domanda deve andare da altre parti proprio adesso che interi settori industriali, come le case automobilistiche, stanno lottando per fare prodotti nuovi e attraenti?
R. A. Vi è una grande perturbazione in corso. Questa crisi attuale, la Grande Recessione, non è un semplice rallentamento ciclico della domanda. Al contrario, quando la domanda ritorna, va verso un sacco di nuovi prodotti e servizi e in industrie completamente nuove. Questa potrebbe non essere solo una Grande Recessione ma potrebbe essere la Grande Ristrutturazione, una riorganizzazione fondamentale delle attività. Non è semplicemente una questione di andare avanti e comprare le stesse cose che siamo abituati a comprare. Alcune di esse non esistono più. Penso che uno dei motivi per cui stiamo vedendo un tale ritardo nelle assunzioni e negli impieghi è che le persone non sono semplicemente assunte nuovamente negli stessi posti di lavoro che occupavano precedentemente. Sarà necessaria molta attività imprenditoriale per comprendere come affrontare questi problemi. Penso che succederà, e alla fine l'economia sarà ancora più produttivo di prima. Ma il passaggio è chiaramente molto doloroso.

D. Dunque, abbiamo pochi chiari vincitori adesso, ma il resto sarà determinato in seguito.
R. Ci sono diversi tipi di vincitori. Aziende come Google possono essere grandi beneficiari diretti, ma ci sono anche persone che beneficiano dei servizi gratuiti di Google. Noi abbiamo usato Google Scholar per verificare citazioni e questo è un modo estremamente più semplice di quello che usavamo in precedenza. E un sacco di piccole imprese che utilizzano gli annunci di Google per trovare nuovi clienti. Credo che le imprese tecnologiche sono quelle influenzate in modo più visibile, ma l'effetto più grande è sulle compagnie che utilizzano la tecnologia. E queste formano la parte più importante dell'economia.
Noi studiamo il mercato come una sorta di entità che elabora le informazioni. Ma anche le imprese sono entità che elaborano informazioni. Quando il costo di elaborare le informazioni scende del 90 per cento nell'arco di cinque anni, ha effetti reali sulla organizzazione delle imprese. Noi stiamo diffondendo informazioni molto più veloce. Il ritmo della invenzioni sta accelerando perché molte aziende stanno usando l'IT per cambiare il loro modo di fare innovazione. Stanno facendo esperimenti di business, misurando le cose nei minimi dettagli - che cosa sta accadendo ai loro clienti, la loro officina, i loro dipendenti, i fornitori, i loro prodotti anche dopo che sono venduti, in modi che non hanno mai usato prima. E poiché il nostro standard di vita, in ultima analisi, dipenderà da ciò che la tecnologia può fare per accelerare l'innovazione, questo avrà un impatto molto più grande su di noi di ogni singola innovazione di per sé stessa.

The Great Restructuring and the Great Innovation Civilization

Reblog this post [with Zemanta]
Posta un commento

Archivio