27 ottobre 2007

IQ, professioni ed Eurabia

In un articolo precedente ho parlato di come l'Eurabia sia un concetto problematico, in quanto i "conquistatori" sono una popolazione con un IQ inferiore a quello dei conquistati e la società che andrebbero a conquistare si regge sulla capacità della popolazione di utilizzare la tecnologia più avanzata disponibile. Inoltre, c'è un trend di discussioni che hanno a che fare con la genetica, l'IQ, il comportamento e l'ereditarietà di questo genere di tratti [1].

Ho quindi pensato di ritrovare un grafico che mostra la correlazione tra l'IQ e le varie professioni e postarlo qui, perché si possa avere una idea di come una differenza di IQ può cambiare radicalmente le possibilità di una società:

IQ-ranges

Come si può notare, se si raffronta questo grafico con quest'altro tra 100 e 85 le cose cambiano radicalmente sia verso il basso che verso l'alto:

Gottfredson_normal_curve_juxtaposition

Si può vedere come la possibilità di trovare personale adatto per determinate professioni è molto inferiore in una popolazione con IQ di 85 è molto inferiore rispetto ad una popolazione con IQ di 100.

Ad esempio, nel caso dei medici, il 90% dei medici risulta avere un IQ di 105 o superiore. Ovviamente il 10% dei medici ha un IQ inferiore, ma di quanto? Non molto immagino, perché superare il corso di studi, la specializzazione, il praticantato e farsi una carriera diventa esponenzialmente più difficile con un IQ inferiore. Questo comporta che in una società con un medio IQ di 85 diventa molto più difficile trovare medici competenti, perché i medici disponibili saranno in media meno intelligenti o perché chi ha l'intelligenza sufficientemente alta viene stimolato a intraprendere altre carriere che sono più remunerative.

Questa immagine è esplicativa:

276540-Poster594x420mm_Eng

Non è che il numero di medici sia così basso solo perché sono poveri o che altro, ma perché in molti casi (non tutti) mancano del "materiale" umano per produrre un numero di medici sufficiente; a questo, poi, si aggiunge il fatto che i medici capaci spesso preferiscono venire o restare a praticare la loro professione in Europa o in USA perché si guadagna di più e si vive meglio.

Generalizzate questo per tutte le possibili professioni che richiedono un IQ elevato o, se preferite, riducete a 1/10 o 1/100 il numero di persone con un IQ elevato in ogni professione e immaginate le conseguenze sociali.

Technorati tags: , , , ,
Posta un commento

Archivio